Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Ok
Crea sito
Parole presenti - ebook Visualizza ingrandito

Parole presenti - ebook

Un giorno alcune parole hanno cominciato a guizzarmi in testa come trote. Facevano di tutto per attirare la mia attenzione, gridavano: “Sono qui, prestami ascolto!”. Ho preso allora a interrogarle una per una, a partire da quelle che iniziavano con la lettera A.

Per la versione cartacea cliccate qui

Maggiori dettagli

999 Articoli

Disponibile

4,99 € tasse incl.

Scheda tecnica

Autore Adriana Libretti
Formato 15 x 21
N° pagine versione cartacea n.a.
N° pagine ebook 370

Dettagli

La protagonista di questa raccolta sono io, questa è la mia storia, rivissuta attraverso una selezione di vocaboli. Come li ho scelti? È successo più o meno così. Un giorno alcune parole hanno cominciato a guizzarmi in testa come salmoni. Facevano di tutto per attirare la mia attenzione, gridavano: “Sono qui, prestami ascolto!”. E allora ho preso ad interrogarle una per una, a partire da quelle che iniziavano con la A. Parole in ordine alfabetico, come in un abbecedario, sono andate a comporre una raccolta “sui generis”, un po' (azzardo) alla maniera giapponese. Ognuna di esse si è imposta da sola, quasi possedesse corpo e volontà. Ognuna rappresenta un pianeta a sé, ha per satellite un'associazione mentale, è ghiotta di ricordi, genera minuscoli componimenti poetici che ne racchiudono l'essenza (prevalentemente haiku e tanka). A ciascuna iniziale ho inizialmente concesso 3 parole; ogni 9 ho giocato a inventare un racconto; ho vissuto coltivando l'arte del gioco, recitare è to play. Quasi senza accorgermene, sono arrivata fino alla Zeta. Strada facendo, si sono presentate all'appello a volte delle parole in più, altre, in meno: non sempre la disciplina ha la meglio (grazie al cielo). 6 brevi racconti e 66 voci, attraverso le quali scorre una vita (la mia, come ho premesso qua sopra) e un'epoca (gli anni '70) che già appare molto, ma molto lontana.