Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Ok
Crea sito
Strana rana Visualizza ingrandito

Strana Rana

Il romanzo narra, in modo non lineare, la storia di Lara Santini e Claudia Meloni. Alla fine del romanzo solo una di loro resterà in vita (forse), in un finale straniante che mette in dubbio la realtà tra sogni, deliri, ma soprattutto incubi, da cui le protagoniste non si libereranno mai, neanche con la morte.

Scegliete la versione ebook o cartacea con un semplice clic sulla voce "formato"

Maggiori dettagli

1049 Articoli

5,99 € tasse incl.

Scheda tecnica

Autore Antonio Lucarini
Formato 14,8 x 21
N° pagine versione cartacea 296
N° pagine ebook 469

Dettagli

Il romanzo narra, in modo non lineare, la storia di Lara Santini e Claudia Meloni. Le due donne si ritrovano nel reparto oncologico dell’ospedale di Pavia, dove entrambe dovranno subire l’asportazione di un fibroma maligno all’utero. Non si vedevano più da molti anni. Lara è diventata una parrucchiera e Claudia una cantante di brani d’autore lugubri e malinconici. Ambedue sono sole e abbandonate dal destino e da chiunque. Il loro incontro è l’occasione per ricordare il loro malinconico passato e la gara di nuoto, i duecento metri rana di un campionato giovanile, che le ha separate. Dopo essersi odiate ferocemente per anni, le due donne entrano in uno stato d’empatia ossessiva e paranoica, fino a un’identificazione quasi totale che le porta a vendicarsi dei simboli del loro crudele passato: Giulia Tulli, perfida tutrice di Lara, Giancarlo Lucidi, discografico compagno di Claudia e Marzia Simoni, cugina di Claudia ed eletta a simbolo del tradimento. Alla fine del romanzo solo una fra Lara e Claudia resterà in vita (forse), in un finale temporalmente straniante che mette in dubbio la realtà di quanto narrato, il tutto tra sogni, deliri ed elementi musicali barocchi, ma soprattutto incubi, incubi da cui le protagoniste non si libereranno mai, neanche con la morte.