Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Ok
Crea sito
Sotto il segno dello scorpione Visualizza ingrandito

Sotto il segno dello scorpione - vers. cartacea

Nuovo prodotto

Dall’infanzia in Trentino Alto Adige, all'emancipazione sessuale e politica, il Sessantotto, il precoce matrimonio civile, la strage di Brescia, la nascita del figlio, fino a capire come il paradiso perduto si debba cercare dentro la nostra testa e a ritrovare la pienezza dell’amore, scoprendo che l’eros della maturità è ancora più piacevole.

Per la versione ebook cliccare qui

Maggiori dettagli

50 Articoli

Disponibile

14,90 € tasse incl.

Scheda tecnica

Autore Bruna Franceschini
Formato 14,8 x 21
N° pagine versione cartacea 202
N° pagine ebook n.a.

Dettagli

La protagonista vive l’infanzia in Trentino Alto Adige, in tempi e in una famiglia in cui è proibito parlare di sesso. Durante l’adolescenza, l’educazione bigotta e repressiva che ha ricevuto la induce da un lato a vergognarsi delle pulsioni che avverte, dall’altro a cercare di essere come le sue compagne più spigliate, col risultato di avere delle esperienze dimezzate e di sentirsi colpevole di suscitare le avances di uomini maturi. Con l’università e l’uscita di casa il suo processo di emancipazione sessuale e politica giunge a compimento, e vive pienamente, anche se a volte in modo drammatico, il Sessantotto e gli anni contigui, anni che vedono in successione il precoce matrimonio civile e la conseguente espulsione dall’Università Cattolica, la strage di Brescia, la nascita del figlio. Il disincanto politico e il fallimento matrimoniale la inducono a buttarsi in una storia con un ragazzo dagli occhi color muschio, a perpetrare una sorta di “uxoricidio virtuale” e a vivere un’era di incontri senza impegno, hic et nunc, da viaggiatrice in cerca del paradiso perduto. Dopo la remissione di una grave malattia, la protagonista vive nuove esperienze, anche sentimentali, fino a capire come il paradiso perduto si debba cercare dentro la nostra testa. Così, cessato il nomadismo dell’anima, ritrova la pienezza dell’amore, scoprendo che l’eros della maturità è ancora più piacevole.